La calibratrice ottica per patate: perché inserirla nella linea di lavorazione

La calibratrice ottica per patate: perché inserirla nella propria linea di lavorazione

L’evoluzione delle soluzioni ottiche è arrivata ad un livello tale da renderle presenti in pressoché ogni settore produttivo. Anche l’ortofrutta, ed in particolar modo le patate, non fa eccezione.

Parlando appunto di patate, la soluzione più adottata in tema “visione ottica” è quella della selezionatrice, che consente di selezionare le diverse qualità, nonché le patate buone e quelle di scarto.

La selezionatrice ottica può essere inserite in diversi punti della linea di lavorazione: all’inizio (quando c’è ancora la terra, per rimuovere terra, sassi ecc.), dopo il lavaggio, dopo la pelatura e infine dopo il taglio.

C’è però un aspetto che normalmente si deve tenere in considerazione: la selezione ottica delle patate non garantisce il 100% di resa. Questo perché le patate passano in ordine sparso e vengono cernite da telecamere posizionate sotto e sopra, lasciando delle potenziali aree d’ombra, dove è più difficile scorgere eventuali difetti.

Questo significa che, pur adottando una selezionatrice ottica, potrebbe esser necessario del personale per un’ulteriore ispezione, oppure altri sistemi, per garantire una cernita impeccabile.

Ad oggi però è possibile risolvere questo problema con l’adozione della calibratrice ottica.

Questa macchina visiona ad una ad una le patate e, tramite l’uso di specchi, ha un’effettiva visione garantita del 100% della superficie della patata, non necessitando pertanto del personale per la verifica dell’efficienza.

Oltre a ciò, permette anche di eliminare la calibratrice meccanica, in quanto lavora sia sulla qualità che sulla dimensione del prodotto.

Questo tipo di soluzione può essere adottata con patate lavate o pelate, non sporche né tagliate.

La calibratrice ottica per patate: perché inserirla nella propria linea di lavorazione

L’adozione di una calibratrice ottica porta quindi i seguenti vantaggi:

  1. Garanzia di efficienza: come detto le patate passano ad una ad una e vengono analizzate a 360°, garantendo un’efficienza assoluta.
  2. Risparmio di personale: efficienza al 100% significa anche meno personale che deve verificare il lavoro della macchina a monte.
  3. Risparmio di spazio: grazie all’accorpamento delle fasi di selezione e calibratura, si potranno risparmiare ingombri inutili.
  4. Inserimento in un processo di digitalizzazione: sebbene sia possibile anche nel caso di selezionatrice ottica abbinata a calibratrice meccanica, con la calibratrice ottica avremo dei dati riferiti a lotti separati non solo per qualità ma anche per calibro, che ci consentiranno di poter fare valutazioni più accurate, grazie anche alla totale tracciabilità.

Per questo ritengo che per i confezionatori di patate soprattutto, ma anche per i trasformatori, la calibratrice ottica sia in assoluto la scelta migliore che possano fare.

Alberto

Ultimi aggiornamenti
Ottimizzare lavorazione vegetali
Approfondimenti,

I vantaggi di ottimizzare la lavorazione dei vegetali mettendo al centro la sostenibilità

Calibrazione elettronica delle barbatelle
Casi di successo,

Un progetto inusuale: la calibrazione elettronica delle barbatelle

Chatta con me
Ciao!
Fammi sapere se hai domande particolari o prova a spiegarmi cosa stai cercando. Sarò lieto di darti un consiglio.